Erika Marinoni

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

R: Elevation - Stephen King

Della serie... tutto ti saresti aspettata ma non di leggere una storia più strampalata di questa. Eppure in queste 93 pagine c'è l'essenza di tante cose. Prima di tutto la salute perchè quando si inizia a perdere peso si pensa sempre alla cosa peggiore e spesso la preoccupazione ci fa diventare nervosi, invece il protagonista sembra quasi essere divertito della cosa e, nonostante tutto, conserva il suo animo buono, volto a far del bene agli altri. L'amicizia, quella vera, quella che quando hai bisogno c'è, senza chiedere nulla in cambio. Poi i pregiudizi che spesso sono frutto di tanta ignoranza. La competizione che spesso ci spinge a dare il massimo di noi stessi per arrivare primi e dimostrare che forse qualcosa nella vita si vale. La leggerezza, si perchè secondo me quello che succede al protagonista potrebbe essere riassunto cosi: nella vita dobbiamo imparare a prendere le cose con più leggerezza e forse, saremo più felici. E poi... poi quel finale che ti lascia così, perchè non te lo aspetti e forse, sotto certi aspetti non lo capisci.
Una cosa è certa però, sentirai la mancanza di quella bontà d'animo del protagonista. Ce ne fosse di più a questo mondo staremmo sicuramente tutti meglio.

Il tempo umano - Giorgio Nisini

Strabellissimo! Sì, lo so che magari strabellissimo non è il termine più appropriato, ma non so come altro descrivere questo libro che mi ha tenuta incollata alle pagine per un giorno e mezzo, senza che mi accorgessi minimamente del trascorrere del tempo. Io non ero in cameretta a leggere, ero dentro il libro, accanto alla protagonista, Mia; ho riso con tutte le esternazioni di Margherita e ho riflettuto molto leggendo il suo quaderno; ho conosciuto la fefe, ma soprattutto ho porvato molta tenerezza per l'altro protagonista di questo libro: Fede e mentre, leggi il libro, attraversi la storia. Sì, perchè questa storia si svolge in un lasso temporale abbastanza lungo. Viene accennata la guerra in Kossovo, si assiste al crollo delle Torri Gemelle, e ci si dispiace ancora per la morte di quel Papa, Wojtyla, che abbiamo amato tutti. Sono tanti gli argomenti che vuole affrontare questo libro che parla di fiducia, quella fiducia che spesso però vacilla quando un sospetto si insinua dentro di noi. C'è però la ricerca della verità, che spesso fatica ad emergere quando il sospetto è più forte di essa, oppure quando non si hanno abbastanza prove. E' un libro che parla anche di amicizia e che ci fa riflettere come spesso l'immagine che ci facciamo di una persona non corrisponda a come poi sia la persona stessa. Soprattutto è un libro che parla d'amore, ma quello con la A maiuscola.
"Si può parlare l'amore?" Beh dopo aver letto questo libro penso proprio di si! Straconsigliato!

Dormi stanotte sul mio cuore

Strabellissimo! Sì, lo so che magari strabellissimo non è il termine più appropriato, ma non so come altro descrivere questo libro che mi ha tenuta incollata alle pagine per un giorno e mezzo, senza che mi accorgessi minimamente del trascorrere del tempo. Io non ero in cameretta a leggere, ero dentro il libro, accanto alla protagonista, Mia; ho riso con tutte le esternazioni di Margherita e ho riflettuto molto leggendo il suo quaderno; ho conosciuto la fefe, ma soprattutto ho porvato molta tenerezza per l'altro protagonista di questo libro: Fede e mentre, leggi il libro, attraversi la storia. Sì, perchè questa storia si svolge in un lasso temporale abbastanza lungo. Viene accennata la guerra in Kossovo, si assiste al crollo delle Torri Gemelle, e ci si dispiace ancora per la morte di quel Papa, Wojtyla, che abbiamo amato tutti. Sono tanti gli argomenti che vuole affrontare questo libro che parla di fiducia, quella fiducia che spesso però vacilla quando un sospetto si insinua dentro di noi. C'è però la ricerca della verità, che spesso fatica ad emergere quando il sospetto è più forte di essa, oppure quando non si hanno abbastanza prove. E' un libro che parla anche di amicizia e che ci fa riflettere come spesso l'immagine che ci facciamo di una persona non corrisponda a come poi sia la persona stessa. Soprattutto è un libro che parla d'amore, ma quello con la A maiuscola.
"Si può parlare l'amore?" Beh dopo aver letto questo libro penso proprio di si! Straconsigliato!

Le rughe del sorriso - Carmine Abate

"Non avevo mai visto una folla così inferocita".
Inizia così questo viaggio tra Africa e Italia, tra Somalia e Calabria, tra Spillace e Ayuub piccolo villaggio somalo. Due mondi e due culture diverse, che cercano di convivere assieme nonostante i sogni di un futuro migliore che spesso si scontrano con la realtà. Ma questa è la storia di un altro viaggio, quello intrappreso da tantissimi africani per raggiungere la ricca Europa. Un viaggio molto pericoloso, dove si patiscono la fame e la sete, dove si viene rinchiusi in posti angusti, oppure ammucchiati in furgoni fatiscenti, dove le botte sono all'ordine del giorno, come pure la violenza sulle donne. Nonostante tutto però, il popolo africano è forte, molto forte e riesce a sopportare tutto e spesso, una volta raggiunta la meta, riesce pure a dimenticare tutto il male patito. Questo libro parla anche del viaggio di Sarah alla ricerca del fratello. Loro sbarcate a Crotone, mentre lui le aspettava a Lampedusa. E' la storia di una promessa, che Sarah fa a sua nipote, e cioè quella di ritrovare il suo papà in un paese, l'Italia che non conosce. Sorride Sarah, sempre, anche quando la vita le si rivolta contro e con quel sorriso illumina il cammino di chi la incontra.
Mi è spiaciuto molto finire questa bellissima storia che mi rimarrà impressa nel cuore, come tutti i suoi personaggi.

La scuola sui binari

Di questa autrice avevo letto sia Il club delle lettere segrete, sia la posta del cuore della Senorita Leo e mi erano piaciuti entrambi, quindi non ho esitato ad acquistare questo libro anche perchè basato su una storia vera. Purtroppo però la sensazione che di vero ci sia solo la scuola sui binari, mentre tutto il resto è romanzato è stata forte e questo mi ha portato a perdere quella voglia di conoscere una storia che sicuramente non conoscevo. All'inizio ho fatto fatica a capire cosa stessi leggendo, perchè pensavo a due storie parallele, invece sono due storie che si svolgono una al passato e una al presente. Un libro sicuramente da leggere, per carità, però non ti coinvolge come ti potrebbe coinvolgere un altro libro che narra di una storia vera.

La felicità dell'attesa - Carmine Abate

Sono le 00.22 quando purtroppo finisco questa bellissima saga familiare che mi ha riportata indietro nel tempo facendomi viaggiare tra l'America e l'Italia.
Quattro generazioni si susseguono in questa storia che racconta le vicessitudini della famiglia Leto. Ci sono amore, partenze, rinunce, addii, sofferenze, ma solo l'amore per la famiglia fa si che si sopporti tutto e si vada avanti nonostante tutto. Mi mancheranno tanto tutti i suoi personaggi, ma soprattutto mi mancherà la leggerezza e spensieratezza di Norma che si scoprirà poi essere Marilyn Monroe.

Tutto chiede salvezza

Tutto chiede salvezza di Daniele Mencarelli
Spesso sentiamo parlare di trattamento sanitario obbligatorio, ma cosa significa realmente? Basandosi sulla sua esperienza personale l'autore prova a spiegarlo, raccontando non solo la vita all'interno di un TSO, ma tutto quello che ci gira attorno. Conosciamo quelli che per una settimana saranno i compagni di stanza di Daniele, conosciamo anche gli infermieri che seguono queste persone, come pure i medici che dovrebbero avere a cura la sorte dei pazienti, invece sembra quasi che diano per scontato che tanto non c'è cura che tenga, "matti sono e matti rimarranno". Il tutto è circondato
da una sorta di umanità che sembra circolare in primis solo tra gli ammalati stessi, poi anche tra gli infermieri e capisci che certi loro atteggiamenti sono dovuti alla paura di dover interagire con persone particolari. Questo è uno di quei libri che ti entra dentro e non ti lascia più!

Insegnami la tempesta - Emanuela Canepa

Per certi versi mi ha ricordato Stabat Mater di Tiziano Scarpa, che mi era piaciuto moltissimo e questo libro non è da meno visto che l'ho praticamente divorato. L'autrice è bravissima ad esplorare e scavare nell'interno del complicato mondo femminile. Le storie sono tre. C'e una mamma, Emma, una figlia, Matilde e una suora, Irene. Ho odiato Emma all'inizio, per capirla forse solo alla fine. Ho fatto fatica a capire Irene, ma Matilde mi ha fatto una tenerezza unica. Per tutta la storia altro personaggio presente è Fausto, il marito di Emma presenza stabile, ferma, un'ancora di salvezza come pochi uomini sanno d'essere. Sarà lui che farà sempre da intermediario tra madre e figlia, assorbirà le sfuriate di Emma e consolerà Matilde. Alla fine di tutto capisci che dietro tutti questi stati d'animo c'è sempre e stato solo amore.

Il piccolo negozio degli amori perduti e ritrovati - Trisha Ashley

Ci voleva proprio una lettura leggera per distogliere un attimo i pensieri da questa quarantena prolungata. Gli ingredienti ci sono tutti: un abbandono, un lutto, una nuova partenza e nel mezzo la ricerca del passato. Non mancano di certo i colpi di scena e le arrabbiature, ma poi tutto passa leggendo di dolci talmente buoni che ti fanno venire voglia di assaggiarli pure a te. Alla fine del libro ci sono anche alcune ricette che proverò sicuramente!

Fiori nascosti nei libri - Silvia Montemurro

I fiori nascosti nei libri di Silvia Montemurro.

"Qualsiasi cosa ti succederà nella vita, non devi arrenderti. L'iris ti aiuterà a ricordarti che quando tutto si fa grigio, prima o poi da qualche parte spunterà l'arcobaleno. "
Questa è una delle frasi che mi hanno colpita di più. A dispetto del titolo mai avrei immaginato di leggere una storia simile, che mi ha catturato dalle prime pagine. L'ho letto tutto d'un fiato, ho gioito, mi sono commossa, ho urlato di rabbia, ed alla fine mi è pure dispiaciuto essere arrivata alla fine di questo bellissimo viaggio.
E' una storia diversa dal solito, perchè è vero che passato e presente si mescolano molto bene, ma le storie che si intrecciano sono tante ed ognuna ha un suo epilogo e spesso non è quello che avremmo immaginato, anzi sicuramente non è quello che io avrei immaginato. Diciamo che l'autrice è stata brava nel rappresentare al meglio la realtà dei fatti e a darne una giusta conclusione.
Un libro che si legge tutto d'un fiato e che per un attimo ti fa fare un bel salto nel passato, in una Cracovia a te sconosciuta. Sì siamo nella Cracovia alle porte della seconda guerra mondiale!

La cacciatrice di storie perdute - Sejal Badani

E chi lo avrebbe mai detto che questo libro mi avrebbe tenuta sveglia fino alle 2 del mattino per leggere? Eppure fai fatica a distaccartene! Sono due mondi quelli che si incontrano, due mondi che non possono essere più diversi tra loro. Da una parte l'America, dall'altra l'India. Ed è proprio in India che la storia si svolge. Ma cosa porta la protagonista ad arrivare fin laggiù? Beh diciamo che una serie di eventi drammatici e la notizia della morte di suo nonno, che lei non ha mai conosciuto, la porteranno a compiere questo viaggio alla ricerca della sua storia e di se stessa. Qui incontra Ravi, un intoccabile, che per quasi tutta la vita ha lavorato per sua nonna ed è proprio lui a raccontare una storia rimasta segrata per tantissimo tempo. Di contorno un'India come spesso ce la immaginiamo, con le sue usanze, che spesso fatichiamo a comprendere, i colori, i profumi, ed il cibo. Finisci il libro con la consapevolezza che un pochino questa storia ha cambiato anche te! Bellissimo!

Fronte di scavo

Comperato perchè pensavo che la storia del traforo del Monte Bianco fosse un qualcosa da leggere, invece questo libro non mi è piaciuto fin dalle prime righe e a quasi la metà l'ho abbandonato. Due sono le storie che viaggiano in parallelo più una che ti fa fare un tuffo nel passato ed è secondo me che questo che ne rovina la lettura. Questo mix racconto storico e racconto romanzato fa si che fin da subito si faccia fatica a capire quello che si sta leggendo.
Ho continuato convinta del fatto che magari la storia mi avrebbe preso un po' più avanti, ma la sua lentezza mi ha esasperato per cui, arrivata alla metà, l'ho abbandonato. Inutile secondo me quell'aggancio alla storia passata del protagonista. Peccato perchè dalla trama le premesse c'erano tutte, ma se un libro non riesce a catturarmi fin da subito la scelta per me rimane scontata ed essere arrivata alla metà è quasi troppo per me! Alcuni libri li ho abbandonati per molto meno.

L'Angelo del Grappa - Loris Giuriatti

Angelo è un ragazzo di città, con poca voglia di studiare, le cuffie nelle orecchie e interconnesso. Ma cosa succede se un'estate i suoi genitori decidono di passare le vacanze estive sul monte Grappa? Quella che doveva essere la vacanza più brutta della sua vita, si trasforma in un'avventura, dove una parte di storia passata, siamo nel 1917 sul monte Grappa, si incontra con la storia attuale. Bellissimo sotto ogni punto di vista e lettura consigliatissima a tutti i ragazzi che considerano lo studio della storia a scuola, noioso o inutile!

Pescatori di uomini - Mattia Ferrari con Nello Scavo

Sarebbe proprio il caso di dire che le vie del Signore sono davvero infinite. Bellissima testimonianza di un prete che, per tutta una serie di eventi lo portano ad imbarcarsi sulla Mare Jonio in qualità di cappellano di bordo. Bellissima lezione di catechismo, dove finalmente si legge di una Chiesa a servizio degli ultimi, dove si aprono le porte, invece che chiuderle, dove il bene ha sempre la meglio, e dove invece viene sconfitto, rimane un faro affinchè questo o quell'evento non accadda mai più. Sarebbe molto bello leggerlo in tutte le scuole durante l'ora di religione.

Gli schifosi - Santiago Lorenzo

Difficile fare la recensione di questo libro perchè alla fine non capisci se ti sia piaciuto oppure no. Sono tanti però gli spunti di riflessione che l'autore ci costringe a fare. Prima di tutto la violenza gratuita che spesso ci spinge a difenerci. Ma che succede se è un poliziotto magari di quelli considerati "esaltati o teste calde" a commetterlo? Che succede se, per difenderti gli fai male, molto male? La paura ha il sopravvento e quindi scappi, rifugiandoti in un paesino disabitato ed isolandoti da tutto e tutti in attesa che si calmino le acque. All'inizio non è semplice adattarsi alla vita di campagna dove ci sei solo tu e nessun altro. Ma poi ti adegui ed inizi ad apprezzarne anche tutti i suoi ritmi adattandoti ad essi. Quella che fai è una vita semplice, da eremita direi. Peccato che un giorno in questo paesino arrivi una famiglia che però non si adegua ai ritmi della natura, non ne apprezza la tranquillità, anzi la deturpa. Ecco che forse "gli schifosi" sono proprio loro, tutte quelle persone che deturpano l'ambiente pensando che tanto nulla possa succedere.
Il protagonista, che deve stare nascosto, inizia a mal sopportare i nuovi vicini fino a quando tutto scoppia. Le ultime pagine sono forse le più belle perchè tutto torna ad essere messo al suo posto, il poliziotto, il protagonista ed i vicini di casa.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate