I sogni segreti di Walter Mitty
5 1 0
Videoregistrazioni: DVD

I sogni segreti di Walter Mitty

Titolo e contributi: I sogni segreti di Walter Mitty / directed by Ben Stiller ; screen story and screenplay by Steven Conrad ; based on the short story by James Thurber ; director of photography Stuart Dryburgh ; music by Theodore Shapiro

Pubblicazione: Milano : Twentieth century Fox home entertainment, ©2014

Descrizione fisica: 1 DVD video (ca. 109 min.) ; in contenitore, 19 cm

EAN: 8010312108532

Data:2014

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.), Inglese (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Caratteristiche tecniche: regione 2; PAL; 2.40:1 aspect ratio, 16:9 widescreen; DVD 9; Dolby digital 5.1; color
  • Titolo del contenitore
  • Produzione cinematografica USA 2013
  • Interpreti: Ben Stiller, Kristen Wiig, Shirley MacLaine, Sean Penn
  • Lingue: italiano, inglese; sottotitoli: italiano, inglese
  • Contenuti speciali: dietro le quinte; galleria fotografica.
  • Walter Mitty lavora da una vita per Life, è l'archivista dei negativi e quindi del tesoro fotografico della rivista. Quando arriva la notizia della chiusura della versione cartacea a favore di quella online (notizia data da un team di biechi ed ignoranti rottamatori incaricati di operare la transizione) si pone il problema della copertina dell'ultimo numero. C'è una foto che il più grande fotografo del mondo ha inviato alla rivista definendola come "perfetta" ma nessuno l'ha vista perchè il negativo non si trova. Sarà proprio Walter Mitty, che non è mai uscito dalla sua città e che è più abituato a vivere nei suoi iperbolici sogni che nella realtà, a doversi muovere per andare alla ricerca dell'avventuroso fotografo e del suo negativo in alcuni dei luoghi più incredibili del pianeta.La vera fine delle pubblicazioni di Life, storica rivista fotografica americana, e la sua trasformazione in una testata online, è la cornice che questo secondo I sogni segreti di Walter Mitty (il primo del 1947, in italiano l'avevamo titolato Sogni proibiti) sceglie per imbastire un conflitto parallelo e speculare a quello tra realtà e immaginazione che anima il protagonista. Mentre Walter scopre l'ebrezza della vita vissuta realmente, con essa sostituendo le proiezioni che la sua mente genera quando si incanta, dall'altra parte la testata per la quale ha sempre lavorato chiude la versione cartacea e si appresta a diventare una presenza esclusivamente in rete, cioè non esistente. Al centro di tutto, il negativo da ritrovare, oggetto che fa da crocevia per diversi destini e mutamenti. Sembra non voler scontentare nessuno Ben Stiller, perchè alla fuga dalla realtà che il protagonista compie attraverso i suoi sogni nella prima parte del film non destina un solo ruolo negativo (sarà uno di questi sogni ad occhi aperti a spingerlo ad iniziare la parte avventurosa del film), mentre dall'altra parte tutta la parabola di Walter è una grande ode alla riconquista di una dimensione autentica e umana dei rapporti, non mediati da nessuna tecnologia e saldamente ancorati ad esperienze vere. L'idea principale pare essere che esiste una sola possibile visione sincera e appagante dei rapporti e non prevede intermediari tecnologici in alcuno stadio. È però un repertorio di tramonti e paesaggi desolati da grande naturalismo il mezzo attraverso il quale Ben Stiller sembra voler veicolare le sue idee. La ricerca di Walter passa per alcuni dei luoghi più clamorosi del pianeta per concludersi (come si conviene ai viaggi formativi) dietro casa. La riconquista di una dimensione autentica di vita è raccontata attraverso le meno probabile delle esperienze, nonchè la più remota per i singoli, senza alcun ausilio intellettuale dovrebbe quindi essere la forza della visione della maestosità dei paesaggi naturali (visione fasulla perchè mediata dal cinema) a scatenare una presa di coscienza riguardo il vero senso dell'umanità. In Walter Mitty e nel suo viaggio interiore c'è insomma molta meno originalità di quanto il suo autore non sembri desiderare. È brutto e sconveniente dirlo, tuttavia in questo film molto serio e ponderato di Ben Stiller, in cui la commedia è relegata a pochissime scene demenziali, si ha lo stesso l'impressione che il registro divertente che ogni tanto spunta rimanga il più congeniale all'autore, quello che riesce meglio di tutti a dire qualcosa di sconveniente e liberatorio. Il resto sono velleità poetiche da sfondo del computer.

Nomi: (Sceneggiatore) (Fotografo) (Attore) (Attore) (Attore) (Attore) (Compositore) (Regista [Direttore]) (Antecedente bibliografico) (Attore)

Soggetti:

Classi: 791.43 Cinema (0)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2014
  • Target: adulti, generale

Sono presenti 11 copie, di cui 2 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Povegliano DVD A STI BEN 77-459 Su scaffale Disponibile
Bosco Chiesanuova DVD 791.43 SOG MIT 56-18655 In prestito 15/06/2021
San Martino B.A. VID C SOGN 1-42687 Su scaffale Disponibile
Valeggio DVD 1735 COM STI MIT 22-27706 Su scaffale Disponibile
Sona DVD 1008 9-35323 Su scaffale Disponibile
Sommacampagna SOMMA CINEMA STI 23-42682 Su scaffale Disponibile
Marano 791.43 SOG 2-21333 Su scaffale Disponibile
Castelnuovo d-G DVD AVV SOG 65-13068 Su scaffale Non disponibile
Bussolengo DVD 791.43 Sti 13-37758 In prestito 11/11/2019
Caldiero DVD A SOG 4-17330 Su scaffale Disponibile
Bardolino DVD Commedia Sti Sog 2030 64-19816 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Bel film, ma soprattutto bel messaggio!!!!! ^_^

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.