Community » Forum » Recensioni

Elevation
3 3 0
King, Stephen <1947->

Elevation

Milano : Sperling & Kupfer, 2019

Abstract: Scott Carey sta percorrendo senza fretta il tratto di strada che lo separa dal suo appuntamento. Si è lasciato alle spalle la casa di Castle Rock, troppo grande e solitaria da quando la moglie se n'è andata, se non fosse per Bill, il gattone pigro che gli tiene compagnia. Non ha fretta, Scott, perché quello che deve raccontare al dottor Bob, amico di una vita, è davvero molto strano e ha paura che il vecchio medico lo prenda per matto. Infatti Scott sta perdendo peso, lo dice la bilancia, ma il suo aspetto non è cambiato di una virgola. Come se la forza di gravità stesse progressivamente dissolvendosi nel suo corpo. Eppure, nonostante la preoccupazione, Scott si sente felice, come non era da molto tempo, tanto euforico da provare a rimettere le cose a posto, a Castle Rock. Tanto, da provare a riaffermare il potere della parola sull'ottusità del pregiudizio. Tanto, da voler dimostrare che l'amicizia è sempre a portata di mano. In un racconto che è anche un omaggio ai suoi maestri, King si prende la libertà, più che legittima, di dare una possibile risposta alle tristi derive del nostro tempo

206 Visite, 3 Messaggi

Ottimo racconto del re!
Un unico diffetto: troppo corto!!

sbp50043
7 posts

Di solito i libri di Stephen King sono dei mattoni incredibili, ma comunque molto scorrevoli e piacevoli da leggere. Questo invece è un libricino tanto piccolo che sembra un bignami. Appena l'ho visto mi ha subito dato l'idea di non essere un gran libro, sensazione confermata dopo averlo letto. Storia debole , a tratti ridicola e non credibile. Personalmente ne sconsiglio la lettura.

sbp47803
326 posts

Della serie... tutto ti saresti aspettata ma non di leggere una storia più strampalata di questa. Eppure in queste 93 pagine c'è l'essenza di tante cose. Prima di tutto la salute perchè quando si inizia a perdere peso si pensa sempre alla cosa peggiore e spesso la preoccupazione ci fa diventare nervosi, invece il protagonista sembra quasi essere divertito della cosa e, nonostante tutto, conserva il suo animo buono, volto a far del bene agli altri. L'amicizia, quella vera, quella che quando hai bisogno c'è, senza chiedere nulla in cambio. Poi i pregiudizi che spesso sono frutto di tanta ignoranza. La competizione che spesso ci spinge a dare il massimo di noi stessi per arrivare primi e dimostrare che forse qualcosa nella vita si vale. La leggerezza, si perchè secondo me quello che succede al protagonista potrebbe essere riassunto cosi: nella vita dobbiamo imparare a prendere le cose con più leggerezza e forse, saremo più felici. E poi... poi quel finale che ti lascia così, perchè non te lo aspetti e forse, sotto certi aspetti non lo capisci.
Una cosa è certa però, sentirai la mancanza di quella bontà d'animo del protagonista. Ce ne fosse di più a questo mondo staremmo sicuramente tutti meglio.

  • «
  • 1
  • »

5253 Messaggi in 4185 Discussioni di 698 utenti

Attualmente online: Ci sono 22 utenti online