In questa pagina ti proponiamo la classifica dei titoli più prenotati del sistema.

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2003
× Paese ita
Includi: tutti i seguenti filtri
× Editore Einaudi
× Lingue Francese

Trovati 13 documenti.

Feste galanti stampa 1988
0 0 0
Libri Moderni

Verlaine, Paul - Bulciolu, Maria Teresa

Feste galanti stampa 1988

Collezione di poesia Einaudi ; 106

Tartufo
0 0 0
Libri Moderni

Molière

Tartufo / Molière ; prefazione e traduzione di Cesare Garboli

2. ed

Torino : Einaudi, c1974

Collezione di poesia ; 113

Le intellettuali
0 0 0
Libri Moderni

Molière

Le intellettuali / Molière ; prefazione e traduzione di Cesare Garboli

Torino : Einaudi, 1978

Collezione di teatro ; 223

Quel che fu senza luce
0 0 0
Libri Moderni

Bonnefoy, Yves <1923->

Quel che fu senza luce ; Inizio e fine della neve / Yves Bonnefoy ; traduzione di Davide Bracaglia

Torino : Einaudi, copyr. 2001

Abstract: La poesia di Bonnefoy illumina un arrière-pays, un entroterra nel quale non si penetra che per desiderio: una promessa è dunque il luogo della poesia. Gli oceani, le stelle sono perfezione e assenza: ma il solco e il rovo restano qualcosa di tracciato qui, Il dolore di essere nati nella materia, quel segno che si è aperto e non cicatrizza. (Carlo Ossola).

Il teatro e il suo doppio
0 0 0
Libri Moderni

Artaud, Antonin

Il teatro e il suo doppio

2. ed

Torino : Einaudi, 1974

Piccola biblioteca Einaudi

I fiori del male e altre poesie
0 0 0
Libri Moderni

Baudelaire, Charles <1821-1867>

I fiori del male e altre poesie / Charles Baudelaire ; traduzione di Giovanni Raboni

6. ed

Torino : Einaudi, 2006

Abstract: Una nuova tappa del dialogo di Raboni con una delle opere che sembra incarnare l'essenza stessa della modernità. Da oltre un quarto di secolo Raboni, uno dei nostri maggiori poeti e critici, si cimenta con Baudelaire attraverso una serie di revisioni e ripensamenti e anche questa quinta versione a stampa non è da lui considerata definitiva. A guidare questo continuo confronto è stato l'intento di rendere meno vistosa una delle caratteristiche dell'opera di Baudelaire, la divaricazione tra alto e basso, sublime e comico, poesia e prosa.

Poesie
0 0 0
Libri Moderni

Beckett, Samuel <1906-1989>

Poesie ; Poèmes suivi de mirlitonnades / Thomas Beckett ; introduzione e traduzione di Giovanni Bogliolo

Torino : Einaudi, c1980

Collezione di poesia ; 164

 Mal visto mal detto / Samuel Beckett ; traduzione di Renzo Guidieri
0 0 0
Libri Moderni

Beckett, Samuel <1906-1989>

Mal visto mal detto / Samuel Beckett ; traduzione di Renzo Guidieri

Torino : Einaudi, 1986

Nuovi coralli ; 379

Poesie
0 0 0
Libri Moderni

Breton Andrè

Poesie / André Breton ; traduzione di Giordano Falzoni ; con una nota di Guido Neri

1. ed

Torino : Einaudi, 1977

Gli struzzi ; 126

Abstract: Le poesie costituiscono la parte più personale dell’opera di André Breton: un’opera mescolata alle sorti di una ricca esperienza, il surrealismo, che occupa una posizione centrale nel panorama delle idee del nostro tempo ed è tuttora un termine essenziale di confronto per le nuove correnti della ricerca artistica e letteraria. Le riflessioni dei surrealisti, e di Breton, sulla natura del linguaggio, sul suo rapporto con la coscienza, sul problema della scrittura, le esperienze di dettato automatico, l’appassionato richiamo al sogno e all’inconscio, al « désir » e alla rivoluzione sono i termini di un’esigenza di «cambiare la vita » (secondo le parole di Rimbaud) o « trasformare il mondo » (secondo quelle di Marx), che vuol trascendere i limiti del fatto letterario. Le poesie di Breton non tracciano una storia spirituale, o le occasioni di un’esistenza. Formano un ampio discorso sull’immaginazione che è insieme diretto e indiretto, in cui l’affiorare « automatico » degli accostamenti surreali alimenta una perorazione che ha per oggetto l’unità di reale e immaginario, sogno e veglia, veggenza e ragione, passato e avvenire.

Opere
0 0 0
Libri Moderni

Rimbaud, Arthur <1854-1891>

Opere / Arthur Rimbaud ; a cura di Gian Piero Bona

7. ed

Torino : Einaudi, 2007

Abstract: Tradurre i Vers nouveaux di Arthur Rimbaud può costituire l'equivalente di una sfida sconfinante nell'autolesionismo più sconsiderato, arrogante. Del resto, il semplice fatto di leggerli più volte nel corso della vita favorisce attitudini già rischiose nei confronti di una provocazione proprio lì al suo innesco. Poiché è indubbio che queste poesie suscitino nel lettore una sorta d'accanimento voluttuoso obbligandolo a calarsi negli strati più sotterranei del linguaggio fino alle sue radici amare, agli etimi sonori, affettivi, concettuali, ai semi di tale avventura. (Marica Larocchi)

Copertina
0 0 0
Libri Moderni

Pascal, Blaise

Pensieri / Blaise Pascal ; edizione con testo a fronte a cura di Carlo Carena ; prefazione di Giovanni Raboni

Torino : Einaudi, c2004

Biblioteca della Pléiade

Abstract: Un volume che non offre solo una nuova traduzione del capolavoro pascaliano, ma che riporta l'apparato completo delle varianti, delle cancellature e delle sovrascritture testimoniate dai manoscritti. Si tratta di circa ottocento frammenti, abbozzi e appunti, che superano largamente la prima destinazione di apologia della religione cristiana, per trattare dell'uomo, minato dalla sua miseria e salvato dalla sua grandezza. Non solo un'analisi della condizione umana e un &quot;itinerarium mensis in Christum&quot; di alto interesse filosofico, ma anche la storia interiore di un grande spirito, che ha vissuto con singolare tensione, nella loro dialettica spontanea, i problemi dell'esperienza etico-religiosa e li ha compenetrati di sé e della sua complessa umanità. br br Fonte: IBS

L' Indifferente
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

L' Indifferente / Marcel Proust ; introduzione di Giorgio Agamben ; con testo a fronte e una nota di Philip Kolb ; traduzione di Mariolina Bongiovanni Bertini

Torino : Einaudi, 1978

Abstract: Nel '96 Marcel Proust pubblicava su una rivista parigina una novella, che aveva eliminato dalla raccolta di "Les plaisirs et les jours" e di cui poi, per una quindicina di anni, parve scordarsi completamente. Solo in una lettera del '10, ormai nel pieno della redazione della "Recherche", egli ne fa cenno a un amico: e se tutto, nell'officina di uno scrittore, ha un senso e un valore, metteva conto di porsi su queste deboli tracce in cerca di quelle pagine cadute dal primo dei grandi libri proustiani. Così Philip Kolb ci ha restituito, sperduto nell'oscura "Vie contemporaine", "L'Indifférent". Si potrà saggiare e voltare diversamente il racconto, nato esso pure da una esperienza personale dell'autore - un incontro sospirato in casa della principessa di Wagram -, e storia di una passione contrastata e bruciante. Ma l'atmosfera e il gioco dei sentimenti sono già inconfondibilmente proustiani, tutti da inseguire e assaporare: i teatri, i ricevimenti, il profumo di fiori esotici ed effimeri, le evocazioni suggerite da un'opera d'arte e insomma quegli inconfondibili, palpabili rapporti tra gli uomini e le cose, tra i sentimenti e le circostanze, che faranno il tessuto del capolavoro di Proust. Se pure non si vuole andare oltre per annodare questo testo - come fa Giorgio Agamben nel saggio introduttivo a questa prima versione italiana - a un discorso più ampio sulla poetica e la teoria dell'amore nella più vasta tradizione culturale europea: discorso legittimato dalle singolari ascendenze del "sistema delle passioni" che ci presenta "L'Indifférent" e dell'apprendistato che vi fa il giovane Proust, in pagine già splendide.

Esercizi di stile
0 0 0
Libri Moderni

Queneau, Raymond

Esercizi di stile / Raymond Queneau ; introduzione e traduzione di Umberto Eco

2. ed

Torino : Einaudi, c2001

Tascabili. Letteratura einaudi /einaudi ; 849

Abstract: Un episodio di vita quotidiana, di sconcertante banalità, e novantanove variazioni sul tema, in cui la storia viene ridetta mettendo alla prova tutte le figure retoriche, i diversi generi letterari (dall'epico al drammatico, dal racconto gotico alla lirica giapponese), giocando con sostituzioni lessicali, frantumando la sintassi, permutando l'ordine delle lettere alfabetiche. Eco, nella prefazione, dichiara che per anni è stato tentato di tradurre questi racconti, perché erano ritenuti intraducibili, legati come sono al genio specifico della lingua francese. E infine la decisione: non si trattava di tradurre, ma di capire le regole del gioco che Queneau si era poste, e quindi giocare la stessa partita con un'altra lingua. Testo originale a fronte.