In questa pagina ti proponiamo la classifica dei titoli più prenotati del sistema.

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2003
× Paese ita
Includi: tutti i seguenti filtri
× Editore Einaudi
× Nomi Proust, Marcel <1871-1922>

Trovati 85 documenti.

All'ombra delle fanciulle in fiore
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

All'ombra delle fanciulle in fiore / Marcel Proust

1. ed.

Torino : Einaudi, 1981

Gli Struzzi ; 178

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Poesie
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

Poesie / Marcel Proust ; traduzione di Franco Fortini

Torino : Einaudi, c1983

All'ombra delle fanciulle in fiore
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

; All'ombra delle fanciulle in fiore / traduzione di Franco Calamandrei e Nicoletta Neri

 I  Guermantes
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

; I Guermantes / traduzione di Mario Bonfantini

Sodoma e Gomorra
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

; Sodoma e Gomorra / traduzione di Elena Giolitti

 La  prigioniera
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

; La prigioniera / trad. di Paolo Serini

 La  fuggitiva
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

; La fuggitiva / traduzione di Franco Fortini

Alla ricerca del tempo perduto
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

Alla ricerca del tempo perduto ; All'ombra delle fanciulle in fiore / Marcel Proust ; traduzione di Franco Calamandrei e Nicoletta Neri

Alla ricerca del tempo perduto
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

Alla ricerca del tempo perduto ; La fuggitiva / Marcel Proust ; traduzione di Franco Fortini

Torino : Einaudi, c1978

Gli struzzi ; 182

Abstract: Mademoiselle Albertine se n’è andata!”: il grido disperato con cui si apre il libro è il punto centrale di tutta la narrazione. Da qui il protagonista dovrà lavorare per lenire, tollerare la perdita del grande amore con cui si era rinchiuso, da padrone a schiavo, da schiavo a padrona. Anche questo è un libro della memoria. Albertine deve essere dimenticata, ma la dimenticanza è intessuta di ricomparse: le ciliegie mangiate, l’accappatoio, e soprattutto il viaggio a Venezia, con il quadro di Carpaccio e le stoffe di Fortuny. È la storia autobiografica di un amore perduto e dei faticosi e lunghi tentativi per disfarsene. Per scoprire che tutti gli estremi si toccano: parte di Swann e parte di Guermantes, maschile e femminile. Passato e presente si confondono, tutto è pronto a farci rivivere il passato, anzi a farci tornare di nuovo nel passato.

Alla ricerca del tempo perduto
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

Alla ricerca del tempo perduto ; Il tempo ritrovato / Marcel Proust ; traduzione di Giorgio Caproni

Torino : Einaudi, c1978

Gli struzzi ; 183

I Guermantes
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

I Guermantes / Marcel Proust ; traduzione di Mario Bonfantini

Torino : Einaudi, copyr. 1978

Gli struzzi ; 179

La prigioniera
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

La prigioniera / Marcel Proust ; traduzione di Paolo Serini

Torino : Einaudi, copyr. 1978

Gli struzzi ; 181

Abstract: Quasi come in una tragedia classica, nel quinto libro della Recherche tutta l'azione si concentra attorno a due soli protagonisti, il Narratore e Albertine, in uno scenario di tempo e luogo - un appartamento borghese parigino - ben delimitato. Predomina quindi l'introspezione psicologica, la descrizione dell'amore, un amore quasi patologico, fatto di sofferenza e gelosia. La Prigioniera (1923) si configura come una grandiosa indagine sul sentimento erotico che demolisce miti e stereotipi romantici e ne inaugura una concezione moderna.

La fuggitiva
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

La fuggitiva / Marcel Proust ; traduzione di Franco Fortini

2. ed

Torino : Einaudi, copyr. 1978

Gli struzzi ; 182

Poesie
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

Poesie / Marcel Proust ; traduzione di Franco Fortini

Torino : Einaudi, copyr. 1989

Gli struzzi ; 345

Contro Sainte-Beuve
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

Contro Sainte-Beuve / Marcel Proust ; traduzione di Paolo Serini e Mariolina Bongiovanni Bertini dall'edizione critica a cura di Pierre Clarac ; con un saggio di Francesco Orlando ; introduzione di Mariolina Bongiovanni Bertini

Torino : Einaudi, c1991

Einaudi tascabili ; 45

 La  prigioniera
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

; La prigioniera / traduzione di Paolo Serini

 I  Guermantes
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

; I Guermantes / traduzione di Mario Bonfantini

[2]:All'ombra delle fanciulle in fiore
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

[2]:All'ombra delle fanciulle in fiore / Marcel Proust ; traduzione di Franco Calamandrei e Nicoletta Neri

Abstract: "All'ombra delle fanciulle in fiore" descrive l'itinerario di un doppio apprendistato, erotico e artistico. Il ruolo di iniziatrice è affidato a Gilberte e la storia della passione da lei suscitata in Marcel forma la parte mediana di una specie di teorema tripartito sull'amore, un trittico che si era aperto con "Dalla parte di Swann" e si chiuderà sull'amore di Marcel adulto per Albertine. Tutto, in questo episodio apparentemente innocente in un corteggiamento tra adolescenti, ha un valore esemplare: il contrasto tra l'attesa febbrile della persona amata e la delusione che la sua presenza provoca, con il conseguente continuo aggiornamento delle speranze, e l'impossibilità di vivere la felicità come momento attuale; i colpi di scena, che dischiudono possibilità nemmeno sognate dove tutto sembrava perduto; la 'ginnastica dell'indifferenza' perseguita con sorprendente lucidità dal giovane Marcel; la rottura infine di questo circolo vizioso operata dal tempo, che, capricciosamente e attraverso varie intermittenze, ma inesorabilmente, porta l'oblio. Ma amore e arte, lungi dall'escludersi, si aiutano a vicenda, dal momento che è Gilberte a fare da tramite fra Marcel e Bergotte, ed è nell'atelier di Elstir che Marcel inaspettatamente incontra Albertine. Ma questa felice (e adolescenziale) intesa si rivelerà una delle tante illusioni e false piste di cui è disseminato il cammino della "Ricerca"; illusioni di cui non si può nemmeno dire che siano necessarie a preparare la finale scoperta della verità, giacché questa nel pessimistico universo proustiano è concessa in modo capriccioso e imprevedibile, come una sorta di grazia gratuita (e nei confronti della quale l'unico atteggiamento richiesto è una sorta di disponibilità).

[7]: Il tempo ritrovato
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

[7]: Il tempo ritrovato / Marcel Proust ; a cura di Paolo Serini ; traduzione di Giorgio Caproni

Abstract: Alla morte di Marcel Proust nel novembre 1922, "Le temps retrouvé", ultimo volume della "Recherche", esisteva solo in forma di manoscritto. L'edizione originale curata dal fratello di Marcel, Robert, e da Jean Paulhan fu stabilita su un dattiloscritto messo a punto dopo la morte dell'autore, e uscì il 17 settembre del 1927. Tutte le edizioni successive, lasciato da parte il dattiloscritto postumo, considerato troppo 'normalizzato' dai curatori, cercarono di rispettare il carattere d'incompiutezza anche nelle lacune e nelle contraddizioni dei cahiers proustiani dal numero XV al numero XX, ma Proust aveva affermato che la struttura della sua opera corrispondeva a un preciso piano architettonico, rigoroso benché velato.

[3]: I Guermantes
0 0 0
Libri Moderni

Proust, Marcel <1871-1922>

[3]: I Guermantes / Marcel proust ; a cura di Paolo Serini ; traduzione di Mario Bonfantini

Abstract: Ne I Guermantes assistiamo all'ingresso di Marcel nel tanto fantasticato mondo dell'aristocrazia. La descrizione della vita mondana nei salotti parigini della Belle Epoque, che è la materia principale di questo volume, si condensa in due grandi scene di ricevimento; la matinée Villeparisis e la soirée Guermantes. Entrambe precedute dal tema dell'arte, di cui sono l'appariscente negazione (la serata all'Opera con la meravigliosa immagine del teatro-acquario, l'assorta contemplazione dei quadri di Elstir prima dell'arrivo degli altri invitati), le due grandi scene mondane sono seguite dal tema dell'omosessualità, cui invece sono sottilmente apparentate: l'enigmatico, inquietante Charlus attende Marcel all'uscita dei ricevimenti sia della marchesa di Villeparisis che della duchessa di Guermantes. Le due morti di questo volume, quella lungamente, minuziosamente descritta della nonna - che si ispira in realtà alla morte della madre di Proust - e quella solo annunciata di Swann, svolgono la funzione di un doppio contrappunto funebre alle eleganze dei salotti. All'uscita del libro, nel 1920, non mancò chi mosse all'autore l'accusa di essere uno snob. Proust poté replicare che, all'opposto di quanto avrebbe fatto uno scrittore veramente tale, nel suo romanzo egli cercava di descrivere obiettivamente (ma dall'interno) il gioco delle vanità e delle ambizioni sociali, di scoprirne le motivazioni e i più nascosti riflessi; che c'era più snobismo inconfessato in certe sbrigative, moralistiche condanne della vita mondana piuttosto che nel suo sforzo di comprenderla e di notarne le leggi.