Community » Forum » Recensioni

Il sentiero selvatico
4 2 0
Righetto, Matteo

Il sentiero selvatico

Milano : Feltrinelli, 2024

Abstract: Matteo Righetto ci porta a Larzonèi in quel drammatico momento in cui le foreste e gli animali selvatici venivano drasticamente abbattuti, la Grande guerra falcidiava i soldati e l’identità ladina veniva lacerata. Se gli eventi sono cupi, lo stile poetico dell’autore, senza mai mistificare, tesse con incanto fenomeni paranormali, arcaiche tradizioni locali e un rapporto con piante e animali venato di meraviglia. Piove da più di un mese a Larzonèi. Nel paesino ai piedi delle Dolomiti bellunesi gli anziani giurano di non aver mai visto cadere dal cielo tanta acqua. E sotto l’acqua si riuniscono il 2 novembre del 1913 per la messa del giorno dei morti. Ci sono tutte le famiglie della zona, anche i Thaler, con la loro unica figlia di sei anni, Katharina. D’improvviso e inspiegabilmente, nel mezzo della liturgia, la bimba sparisce nel nulla. Il paese intero la cerca tra i boschi per tutta la notte, invano. La piccola Tina riappare da sola il giorno dopo, proprio quando finalmente cessa la pioggia. Sta bene, ma non ricorda nulla di quel che le è accaduto, e tra i paesani cominciano a correre strane e malevole voci. Presto per tutti Tina diventa la strìa, la strega che è stata rapita dai morti, che ha conosciuto il diavolo. L’unico rifugio, il luogo dove trova pace e sicurezza, è il monte Pore con i suoi boschi, i torrenti e gli animali selvatici che lo rendono vivo. Tina Thaler è già una leggenda, una vecchia cacciatrice che vive sulla montagna, quando la incontriamo ne "La stanza delle mele". In queste pagine ci addentriamo nella sua vita, a ritroso nel tempo, fino a scoprire i misteri che la avvolgono e le scelte coraggiose che la portano ad essere la guardiana della natura dolomitica, come uno spirito antico che cammina per prati e vette e che, come gli animali selvatici, si lascia vedere solo se è lei a deciderlo.

113 Visite, 2 Messaggi
sbp47803
436 posts

La stanza delle mele mi era piaciuto tantissimo, per cui non ho esitato ad acquistare anche quest’altro libri di Matteo Righetto. A dispetto del primo, questo è più particolare, si respira più natura. Siamo nel 1913 a Larcionei, un piccolo paese ai piedi delle Dolomiti ed un evento inspiegabile fa sì che la protagonista venga additata come “strega” ed il fatto che lei abbia un rapporto speciale con la natura non fa altro che rafforzare il pensiero di molti in paese. Oggi ti stupisci molto di certe credenze, ma ai tempi penso fossero la normalità. Di contorno a questa storia c’è la Storia, quella che pochi ricordano, e che qui viene raccontata magistralmente. Finisci di leggere il libro e ti viene voglia di fare la valigia e partire per quei luoghi magicamente descritti.

Fabio Gandolfo
14 posts

la "strega" della stanza delle mele diventa la protagonista di questo bellissimo libro, che ne descrive l'infanzia, la difficile adolescenza e la scoperta della sua vera natura attraverso la durezza della prima guerra mondiale tra le montagne del popolo ladino. La caparbia Tina affronta la sua avventura con l'aiuto della natura. La prossima volta che salirò su quelle montagne, ma anche su ogni montagna, guarderò la natura con una nuova meraviglia. Grazie

  • «
  • 1
  • »

6793 Messaggi in 5568 Discussioni di 790 utenti

Attualmente online: Ci sono 10 utenti online