Community » Forum » Recensioni

Copertina
2 1 0
Paasilinna, Arto

Piccoli suicidi tra amici

Milano : Iperborea, 2006

Abstract: Ci sono momenti in cui i ripetuti insuccessi, un matrimonio a rotoli, lo stress, la solitudine sembrano davvero troppo per conservare la voglia di vivere: non è meglio farla finita e andarsene da questo mondo che pare sempre meno "un luogo adatto all'uomo"? Seduto sui gradini di casa con una bottìglia di birra in mano, il direttore Onni Rellonen, imprenditore fallito, decide di dire basta a "quel suo vivacchiare privo di senso". Ma cosa succede se il fienile scelto per "il botto finale" è già occupato da un colonnello a riposo risoluto a mettere fine ai suoi giorni? Non ci saranno anche moki altri nelle stesse condizioni, con cui varrebbe la pena di spartire timori, rischi e spese, per un dignitoso suicidio collettivo? E così, caricati sulla Saetta della Morte, lussuoso pullman dotato dei più desiderabili comfort, trentatré selezionati aspiranti suicidi partono per un viaggio che li porterà da un capo all'altro dell'Europa alla ricerca del migliore strapiombo da cui lanciarsi nel vuoto. Sotto il comando del colonnello Kemp-painen, frustrato da un'epoca "così profondamente pacifica", con l'assistenza di Rellonen e della fidata vicepreside Helena Puusaari, conturbante trentacinquenne dai capelli rossi con l'hobby di struggenti passeggiate nei cimiteri, la Libera Associazione Morituri Anonimi raccoglie i più disparati e folli personaggi, decisi, come il Vatanen dell'Anno della Lepre, a tagliare tutti i legami di un'esistenza che li ha delusi e maltrattati, per la libera avventura di un fatale Grand Tour, che diventerà presto il più gioioso manifesto della voglia di vivere. Dalle falesie di Capo Nord ai burroni del Furk, fino all'estrema punta dell'Algarve, tra spericolate avventure, amicizie, solidarietà e nuovi amori, la banda degli apprendisti suicidi sarà immancabilmente raggiunta dall'irriducibile nemico da cui ha tentato di fuggire: la vita. Perché "si può scherzare con la morte, ma con la vita no. Evviva!" Parola di Paasilinna.

76 Visite, 1 Messaggi

Dopo aver letto questo libro ho provato la stessa sensazione di quando si pranza in un ristorante che tutti ti hanno consigliato e dove loro hanno mangiato benissimo, ma a te hanno portato una minestrina di dado, oltretutto tiepida.
Sembra quasi di aver letto il copione di quello che potrebbe diventare un divertentissimo film comico, ma del quale poi si sono dimenticati di girare le scene.
Senza tenerla tanto lunga, credo di essermi spiegato: il libro non mi è piacito per niente.
Ho sempre visto del potenziale umorismo, spesso surreale, che però non è mai venuto completamente alla luce.
Peccato.

  • «
  • 1
  • »

6762 Messaggi in 5541 Discussioni di 789 utenti

Attualmente online: Ci sono 21 utenti online