Community » Forum » Recensioni

Giù nella valle
4 3 0
Cognetti, Paolo

Giù nella valle

Torino : Einaudi, 2023

Abstract: Ci sono animali liberi, cupi e selvatici, altri che cercano una mano morbida e un rifugio. In mezzo, tra l’ombra e il sole, scorre il fiume. I due fratelli sono Luigi e Alfredo, un larice e un abete: a dividerli c’è una casa lassù in montagna, ad avvicinarli il bancone del bar. E poi Betta, che fa il bagno nel torrente e aspetta una bambina. In questo romanzo duro e levigato come un sasso, Paolo Cognetti scende dai ghiacciai del Rosa per ascoltare gli urti della vita nel fondovalle. La sua voce canta le esistenze fragili, perse dietro la rabbia, l’alcol e una forza misteriosa che le trascina sempre più giù, travolgendo ogni cosa. Lungo la Sesia come in tutto il mondo, a subire il dolore dell’uomo restano in silenzio gli animali e gli alberi. Un padre ha piantato due alberi davanti alla sua casa, uno per ogni figlio. Il primo, un larice, è Luigi, duro e fragile, che in trentasette anni non se n’è mai andato dalla valle. Lui e Betta si sono innamorati facendo il bagno nelle pozze del fiume, tra le betulle bianche: ora non succede più così di frequente, ma aspettano una bambina e nell’aria si sente il profumo di un nuovo inizio. Lui ha appena accettato un lavoro da forestale, lei viene dalla città e legge Karen Blixen. L’altro albero è un abete: Alfredo è il figlio minore, ombroso e resistente al gelo, irrequieto e attaccabrighe. Per non fare più guai ha scelto di scappare lontano, in Canada, tra gli indiani tristi e i pozzi di petrolio. Ma adesso è tornato. Alfredo e Luigi in comune hanno due cose. La prima sta in un bicchiere: bere senza sosta per giorni, crollare addormentati e riprendere il mattino dopo, un bianco, una birra, un whisky e avanti ancora un altro giro, bere al bancone dove si scommette se l’animale che uccide i cani lungo gli argini sia un lupo, un cane impazzito o chissà cosa. Oltre all’alcol però c’è la casa davanti a quei due alberi. Adesso che il padre se n’è andato, Alfredo è tornato in valle per liberarsi dei legami rimasti: lui non lo sa, ma quella stamberga da un giorno all’altro potrebbe valere una fortuna. Col passo rapido e la lingua tersa dei grandi autori, Paolo Cognetti ha scritto il suo “Nebraska”.

171 Visite, 3 Messaggi
sbp47803
437 posts

Un libro stupendo! Si parla di natura, di rapporti tra animali e uomini, di legami familiari, di amicizia, di vita di montagna. Poi ci sono i boschi, i prati, la vita tranquilla di certi paesini, il Sesia o la Sesia a seconda se sei del posto o vieni da fuori. Finisci il libro e ti viene voglia di partire subito, per vedere con i tuoi occhi tutti quei posti meravigliosamente descritti dall'autore.

Fabio Gandolfo
14 posts

letto in una notte.....non sono riuscito a smettere.....bellissimo

Fabio Gandolfo
14 posts

ho scoperto ora che elisabetta e luigi li si ritrova più anziani in la felicità del lupo sempre di cognetti

  • «
  • 1
  • »

6794 Messaggi in 5569 Discussioni di 790 utenti

Attualmente online: Ci sono 21 utenti online