Community » Forum » Recensioni

Un'estate
2 1 0
Keegan, Claire - Pareschi, Monica

Un'estate

EINAUDI, 21/11/2023

Abstract: Questo è l'amore, quando sei una bambina. Dall'autrice di Piccole cose da nulla, il capolavoro che ha ispirato il film The Quiet Girl.Una fattoria nella campagna irlandese, una bambina silenziosa, un padre e una madre non suoi. Claire Keegan tratteggia un lessico sentimentale dell'accoglienza e dell'amore genitoriale, in un racconto di sommessa e struggente bellezza. "Può bastare anche solo un'estate per imparare a essere amati. Ce lo racconta con ineffabile grazia la piccola protagonista di questo racconto perfetto".Viola Ardone"Per raccontare un mondo nuovo, un'esperienza mai vissuta, servono parole nuove, quelle che Claire Keegan trova dentro un vocabolario di cose, reali come l'amore".Maria Grazia Calandrone"L'estate non è mai un tempo qualsiasi. Ma c'è un'estate che può essere piú preziosa delle altre, che può portare in sé l'abbacinante luce della crescita. La luce con cui è scritto questo romanzo".Valeria Parrella"Poi attraversiamo il tepore della cucina e lei mi dice di sedermi, di fare come se fossi a casa mia. Sotto il profumo di qualcosa che cuoce nel forno c'è una punta di disinfettante, candeggina forse. Toglie dal forno una crostata di rabarbaro e la mette a raffreddare sul piano della cucina: sciroppo bollente sul punto di traboccare, foglie sottili di pastafrolla saldate alla crosta. Dalla porta entra una corrente fresca ma qui è caldo, immobile, pulito".

219 Visite, 1 Messaggi
sbp47803
436 posts

"Una fattoria nella campagna irlandese, una bambina silenziosa, un padre e una madre non suoi. Claire Keegan tratteggia un lessico sentimentale dell'accoglienza e dell'amore genitoriale, in un racconto di sommessa e struggente bellezza"
Questo è quello che si legge sul retro della copertina. Un libro piccino, che si legge in un paio di orette al massimo. Io in tutta sincerità questa storia non l'ho capita. La storia è sì ambientata nella campagna irlandese, però non ho capito come mai, a causa della nascita del futuro fratellino, la protagonista sia stata affidata per un'estate a questa famiglia. E' tutto molto sfumato, tratteggiato troppo delicatamente a mio avviso. La bambina è silenziosa, ma in questi silenzi forse c'è un mondo fatto di tante domande e di tanti paragoni tra la sua vera famiglia e questa; tra quello che a casa sua poteva e non poteva fare e tutte le libertà che questa famiglia invece le concede. Finisci il libro e rimani un po' così tra il mi è piaciuto o non mi è piaciuto e il non ho capito ed il ho capito forse.

  • «
  • 1
  • »

6793 Messaggi in 5568 Discussioni di 790 utenti

Attualmente online: Ci sono 35 utenti online