Community » Forum » Recensioni

Troppa felicità
4 1 0
Munro, Alice

Troppa felicità

Torino : Einaudi, 2013

Abstract: Gioca a shanghai con le sue storie, Alice Munro, da sempre. Getta sulla pagina posti, alberi, situazioni e donne, cucine, abiti e animali, e con mano ferma se li riprende, li riordina provvisoriamente dentro la storia successiva, di raccolta in raccolta. Intanto passano gli anni e le verità che accendono improvvise i suoi racconti si sono fatte longeve. Non perché durino, ma perché non smettono di accendersi di nuovo, emanando altra luce, un'altra luce. Con Troppa felicità, tuttavia, il lettore avverte il passaggio in corsa di un'elettricità inedita, una scarica di tremenda libertà. Queste storie sembrano spingersi un passo oltre il segreto contenuto in storie passate, e non per consumarlo rivelandolo, ma per complicarne l'esito a partire dalla consapevolezza temeraria della vecchiaia. E se altrove l'immaginazione aveva provato a raffigurarsi l'orrore della morte di un bambino, qui i figli a morire sono tre, e a ucciderli è il padre. Se altrove una madre imparava a sopportare l'abbandono della figlia, qui all'abbandono del figlio segue il coraggio di rappresentare l'incontro, anni dopo, con uno sconosciuto di cui un tempo si conosceva a memoria ogni millimetro di intimità. Se altrove la fragile e caparbia convenzionalità dell'infanzia coagulava in dispetti odiosi ai danni di una qualsiasi creatura debole, qui tocca il fondo di una banalità del male senza scampo.

77 Visite, 1 Messaggi

Sono sempre guardingo quando mi imbatto in un testo di racconti. Anzi li rifuggo cordialmente.
In questo caso me ne sono accorto troppo tardi, che non si trattava di un romanzo.
Devo dire che la felicità di questi short, mi riporta in mente casi nobili, quali Hemingway in primis. Con capitoli, ognuno dei quali potrebbe essere l’incipit di una storia più lunga molto interessante.
Poi la storia si interrompe.
Tutto qua… e quindi è 7!

  • «
  • 1
  • »

5012 Messaggi in 3949 Discussioni di 677 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.