Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

La casa in mezzo al mare - Miquel Reina

Questo è uno di quei libri che ti fa venire freddo dall'inizio alla fine. E' un libro molto delicato, ed i coniugi Grapes te li ricorderai anche a storia finita, quando chiudi il libro e sospiri, pensando all'avventura che hanno avuto, a tutto quello che sono riusciti a sopportare e superare. E' anche una storia di dolore, quel dolore profondo che viene dalla perdita di una persona cara e che solo la forza di guardare le cose soto un'altra luce ci può dare la forza di vivere.
Come scritto sulla copertina è proprio vero che "a volte bisogna perdersi per potersi ritrovare"

Divorare il cielo

L'autore non si smentisce mai. Perfetto nello stile e nel lirismo complessivo. Unica nota dolente:un po' troppo lungo e troppo ricco di intrecci. A mio avviso questo rischia di indisponente il lettore

Lunissanti

Come si può definire un libro che è piaciuto tanto? Ma proprio tanto? Bellissima la copertina, con quel blu del titolo che riprende il blu dell'occhio della bambina riflessa nello specchio. Bellissima la storia con tutte le protagoniste che difficilmente si dimenticheranno, Ada soprattutto.
Un libro che parla d'Amore, ma anche di dolore, di povertà, di superstizioni, di legami famigliari, di storie di paese.
"Perchè l'amore non si poteva spiegare. Non si poteva dire. Non se si avevano dieci anni appena".